Mattia Binotto dice addio alla Ferrari. In arrivo l’ufficialità sulle dimissioni 

Come riporta il Corriere Della Sera il rapporto tra la Ferrari e Mattia Binotto finisce qui. Dell’annuncio ufficiale ancora nessuna traccia, ma sarebbe soltanto una questione di ore, visto che le parti starebbero definendo le clausole che sanciscono i termini di una separazione annunciata, e quanto pare, concordata. La notizia è filtrata quasi casualmente da fonti estere legate all’entourage di Charles Leclerc.


Binotto, che ha un contratto in scadenza alla fine del 2023, aveva manifestato ad alcuni intimi durante l’ultimo Gp ad Abu Dhabi, un eccesso di fatica nel portare avanti il proprio lavoro in condizioni critiche all’interno dell’azienda. Non a caso, poco prima dell’ultima prova del Mondiale da più parti era stato annunciato già pronto il nome del sostituto Frederic Vasseur a capo del team Alfa Sauber

Una notizia smentita prontamento dalla Ferrari che comunque sarà obbligata a nominare un nuovo responsabile della Gestione Sportiva pur senza disporre di una figura ideale e dunque di un accordo definito, con l’ipotesi addirittura di indicare l’a.d. Benedetto Vigna come responsabile della Gestione Sportiva «pro tempore».

Vedremo quali decisioni verranno prese da John Elkann per chiarire definitivamente il futuro della Scuderia. Binotto esce di scena dopo 28 anni di lavoro nell’azienda (era entrato come stagista nel 1995); dopo 4 stagioni da team principal.