Pietro Barabaschi nominato Direttore Generale dell’International Thermonuclear Experimental Reactor

Pietro Barabaschi – 56 anni – è stato nominato Direttore Generale di Iter, progetto sperimentale di reattore per la fusione nucleare, finanziato dall’Unione Europea.

Maria Cristina Messa, ministro dell’Università della Ricerca, a seguito della nomina del manager italiano nella veste di Direttore Generale dell’International Thermonuclear Experimental Recator commenta: “Congratulazioni a Pietro Barabaschi per il prestigioso incarico in un progetto di rilevanza internazionale. Le elevate competenze e conoscenze di scienziati e funzionari italiani assicurano al programma Iter di innovare la ricerca nel campo strategico dell’energia per il nostro Paese e per l’intera Europa”.

Barabaschi laureato in ingegneria a Genova, ha da sempre lavorato nel campo della ricerca sulla fusione nucleare, principalmente nello sviluppo e nella costruzione di infrastrutture di ricerca necessarie per compiere progressi nella realizzazione della fusione nucleare quale fonte energetica sostenibile. Dal 2009 è stato a capo del dipartimento Ricerca e sviluppo in Fusion – for – Energy. Nel 2015 ha operato come direttore ad interim di F4E responsabile della gestione  dell’organizzazione, dell’infrastruttura di gestione del progetto e dell’attuazione delle misure di riforma.