Criminalità organizzata: Loredana Introini nuova Presidente del Centro Pio La Torre

Loredana Introini è stata nominata Presidente del Centro studi Pio La Torre, Associazione con sede a Palermo che opera nel contesto siciliano e meridionale con l’obiettivo di prevenire i fenomeni della criminalità mafiosa ed organizzata, dell’estorsione, dell’usura e di fornire assistenza, tutela ed informazione ai soggetti vittime di tali fenomeni, favorendo la crescita e la diffusione di una cultura antimafiosa sia a livello nazionale sia internazionale. 

Loredana Introini – dal 2018 membro del comitato scientifico dell’Associazione – è consulente strategico per la progettazione nelle organizzazioni no-profit. Dal 1999 al 2017 è stata Executive manager presso la Fondazione Falcone. La manager ha vinto inoltre la partecipazione al “Global Ambassador Program” – programma dedicato alla costruzione di relazioni internazionali che promuovono la comprensione culturale attraverso l’istruzione – e fa parte dal 2017 del network “Vital Voice”, organizzazione americana internazionale che unisce donne di tutto il mondo impegnate nella gestione di enti profit e no profit.

La manager prenderà il posto di Vito Lo Monaco – dal 2005 nel ruolo e adesso eletto Presidente emerito, nel 2012 ha ricevuto dall’Ordine dei Giornalisti di Sicilia il Premio Francese con una menzione speciale per le iniziative antimafia.

“È un passaggio di testimone che intende rafforzare il nostro patrimonio di conoscenze, che non può essere disperso o legato a una sola persona negli anni il Centro studi ha costruito un rapporto con la società civile, i sindacati, il movimento antimafia, senza essere mai autoreferenziale. Ci siamo battuti contro la cancellazione del nome di Pio La Torre dallo scalo di Comiso, abbiamo sempre lottato concretamente con il territorio, abbiamo ottenuto lo Status Speciale Consultivo presso il Consiglio Economico e Sociale (ECOSOC) delle Nazioni Unite. Ora il giusto passaggio con Loredana Introini che ha coerenza, spessore, capacità progettuale e condivide i nostri valori e il nostro impegno”, dichiara Vito Lo Monaco.

“La realtà che viviamo ha tanti limiti sociali, certi messaggi sono ancora universali. Il centro ha un patrimonio di conoscenze che va condiviso, mantenuto e accresciuto. La nostra missione è intervenire per un cambiamento culturale, su questa scommessa ci impegneremo tutti insieme”, commenta Loredana Introini.