Carlo d’Asaro Biondo lascia Google. Suo il progetto ‘Digital News Initiative’

Carlo d’Asaro Biondo ha deciso di lasciare Google dove era presidente per le partnership europee, capo della diplomazia Emea del gruppo. Come spiega PrimaComunicazione un ruolo ricoperto per dieci anni in un rapporto continuo di tensione con i regolatori europei, con gli editori più arrabbiati per la concorrenza di Google sulla pubblicità e le istituzioni sul piede di guerra per il regolamento del copyright.

Gli editori europei devono ringraziare d’Asaro Biondo per aver promosso il progetto Dni (Digital News Initiative) con cui Google finanzia le migliori proposte che vedono coniugare informazione e tecnologia in linea con la missione di Google “di organizzare l’informazione e renderla accessibile a tutti”, come spiegava il manager in una intervista del dicembre 2018.

Manterrà il suo ruolo fino a marzo 2020. Il tempo per passare il testimone e non creare interruzioni drammatiche di trattative complesse‎ e delicate.