Cannes Lions 2019

In Social & Influencer ‘Be a follower’ porta il primo Leone d’oro nel paniere del nostro Paese. Due Leoni d’argento per ‘Be a follower – Side: Biz’ e altri due rispettivamente a ‘Diesel per Mustafa’ e ‘Ha(u)te Couture’, che vince anche un bronzo. La campagna non riesce però a conquistare un Leone in Creative Strategy e in Direct, dove era entrata in shortlist. Niente metalli anche per ‘Burn Racist Giga’ di Serviceplan Italia per Rolling Stone Magazine, in shortlist in Direct. L’Italia resta all’asciutto in Media: nessun Leone per ‘Sensitive Rooms’ di We Are Social per IKEA. 8 shortlist le guadagnate dal nostro Paese tra Film (2) e Brand Experience & Activation (7).

(Cannes. Dalla nostra inviata Serena Piazzi). Nella terza giornata dell’edizione 2019 del Festival Internazionale della Creatività di Cannes arriva il primo Oro per il nostro Paese: merito di ‘Be a follower‘, la campagna firmata da Publicis Milan per Diesel, premiata con un Leone d’oro in Social & Influencer. Nella stessa sezione l’Italia conquista anche 4 Argenti 1 Bronzo, sempre grazie alla coppia Publicis\Diesel.

In particolare due Leoni d’argento vanno a ‘Be a follower – Side: Biz‘ , mentre altri due sono stati assegnati rispettivamente a ‘Diesel per Mustafa’ (già vincitrice di un bronzo in Outdoor, ndr,) e ‘Ha(u)te Couture‘, che vince anche un Leone di bronzo

6 Leoni in totale, dunque, che vanno ad aggiungersi ai 3 (1 d’argento e 2 di bronzo)già conquistati dal nostro Paese in Outdoor con tre diversi progetti tutti a firma Publicis Milan: ‘Lessons for Good’ per il cliente Leroy Merlin,  ‘The Sign‘ per Coca-Cola e, appunto, ‘Diesel for Mustafa‘ per Diesel (leggi news).

Sale dunque a 9 il numero totale di Leoni tricolore a oggi

Ma entriamo più nel dettaglio dei progetti che si sono aggiudicati un metallo in Social & Infuencer. 

‘Be a follower’ è la campagna Diesel prende di mira i cliché dei social media, sottolineando dove esiste il vero potere: nelle mani e nei feed dei follower. In linea con la sua consuetudine di infrangere le regole, la campagna vede protagonisti veri influencer che conoscono bene il brand (e il suo concept) e intendono essere autoironici con i cliché e quelle che sono le insidie ​​di avere una vita ‘Instagrammabile’ 

Tra le note dolenti, la mancanza di metalli in Direct e in Media, dove l’Italia era riuscita ad aggiudicarsi alcune shortlist: in Direct nulla di fatto per ‘Ha(u)te Couture‘ né per ‘Burn Racist Giga’ di Serviceplan Italia per Rolling Stone Magazin; in Media non vince nulla ‘Sensitive Rooms’ di We Are Social per IKEA.

Torniamo a casa a mani vuote in Creative Data e in PR, dove nessuno dei progetti tricolore era riuscito a guadagnarsi un posto in shortlist. 

Guardando allo scorso anno, si notano alcune differenze: l’Italia in questa edizione si è fatta notare nella sezione Social&Infuencer, dove non aveva vinto alcun metallo nel 2018, ma nel suo palmares non figurano Leoni in sezioni che invece l’anno scorso avevano regalato soddisfazioni: parliamo di Creative Data (1 Leone nel 2018), Design (3 Leoni nel 2018), Direct (3 Leoni nel 2018), Film Craft (3 nel 2018), PR (1 nel 2018). 

Non resta che aspettare i verdetti dei prossimi giorni, per vedere quali sezioni porteranno altri Leoni nel nostro paniere, viste le 8 shortlist guadagnate oggi: in Film, l’Italia è presente con due shortlist per Heineken ‘Unmissable’, ancora una volta di Publicis Italy, prodotto da Iconoclast Paris e The Mill London.

In Brand Experience & Activation Publicis Italy vanta quattro shortlist per Diesel ‘Ha(u)te couture’ e due sempre per Diesel per ‘Be a follower side: biz’ realizzata con Simple Agency. Inoltre, è stata nominata FCB Milan con una shortlist per Continental con il progetto ‘Continental grip line’.

Nessun progetto ha passato il turno nelle categorie Creative e-commerce, Creative effectiveness, Mobile e Radio & Audio