Economia, Il TOP

Exploit

Si contraddistingue per le sue capacità manageriali, coraggio, lungimiranza e attenzione all’equità. Molto attivo sui social, è il primo ceo italiano “influencer” di Linkedin. In standby per una nuova Super Poltrona.

MARCO ALVERA’

TES-H2, Tree Energy Solutions

CEO

VOTO: 7½

Sta facendo molto bene, i numeri della società sono in costante crescita. L'aspetto più importante è il progresso nelle quote del mercato online, questo successo è attribuito all'impegno e alla costanza del team all'interno del Gruppo. La società è la più grande del settore del gioco in Italia e uno dei maggiori operatori a livello europeo. “La pazienza, la perseveranza e il sudato lavoro creano un'imbattibile combinazione per il successo". (Napoleon Hill)

GUGLIELMO ANGELOZZI

Lottomatica

CEO

VOTO: 7½

Brillante manager e tra le poche donne in ruoli apicali. Le sue caratteristiche sono la determinazione e la competenza che fanno diventare sempre di più l’azienda un punto di riferimento ed un marchio vincente. "Non c’è limite a ciò che noi donne possiamo realizzare". (Michelle Obama)

FRANCESCA BELLETTINI

Yves Saint Laurent, Gruppo Kering

Presidente e CEO, Deputy CEO

VOTO: 7+

Ambizioso, coraggioso ed entusiasta, è stato l’artefice del rilancio del luxury brand nel momento in cui tutti vedevano la fine di un’era gloriosa. “Un sogno non diventa realtà con una magia; ci vuole sudore, determinazione e lavoro duro”. (Colin Powell)

MARCO BIZZARRI

Nessifashion, Elisabetta Franchi, Golden Goose

Amministratore e fondatore, Presidente, CdA

VOTO: 8-

Determinata, tenace e gran lavoratrice. Insomma, una che non “molla facilmente”. Avrebbe voluto fare il medico ma il padre la scelse come erede ideale per mandare avanti l’attività di famiglia. "Il potere delle donne è quello di creare, nutrire e trasformare". (Diane Mariechild)

DIANA BRACCO

Gruppo Bracco

Amministratore Delegato, Presidente

VOTO: 8-

Continua a occupare diverse posizioni di grande responsabilità, dimostrando un carattere incisivo e un impegno costante nel proprio lavoro. Grazie alle competenze acquisite nel tempo, ha mantenuto un approccio equilibrato e costruttivo nelle sfide affrontate. Nel riconoscimento dei suoi meriti, nel 2020 è stata premiata con il Premio Socrate.

MICHAELA CASTELLI

Sea, Nexi

Presidente e CdA

VOTO: 8

Manager concreto, rivoluzionario, apprezzato anche all'estero. “Il rivoluzionario crede nell’uomo, negli esseri umani. Chi non crede nell’essere umano, non è rivoluzionario.” (Fidel Castro)

STEFANO DONNARUMMA

Ferrovie dello Stato

Amministratore Delegato e Direttore generale

VOTO: 7½

Fiorentino di nascita e appassionato di tennis, sta mettendo in pratica nuove tecniche destinate alla crescita aziendale, partendo dalla trasformazione digitale, che ha incrementato l’efficienza del Gruppo. Ha portato una ventata di novità e modernizzazione, tant’è che da una recente classifica il suo Gruppo risulta essere tra i venticinque marchi più influenti del mondo, conquistando la diciottesima posizione.

MATTEO DEL FANTE

Poste Italiane

Amministratore Delegato

VOTO: 7½

Vanta una carriera lunga 30 anni anche con esperienze internazionali. Solido, tecnico e professionale, nella sua vita lavorativa ha sempre occupato i vertici delle grandi aziende italiane.

LUIGI FERRARIS

FiberCop

Amministratore Delegato

VOTO: 7½

Tra le professioniste che hanno brillato a livello nazionale e internazionale, emerge per il suo impegno senza pari nel sociale. Forte, preparata e dotata di un'energia inesauribile, è annoverata tra le 50 donne più influenti del mondo. Nel 2018, ha ricevuto uno dei prestigiosi Premi Socrate, riconoscimento del suo eccezionale contributo professionale e sociale.

MARIA PATRIZIA GRIECO

Anima Holding

Presidente

VOTO: 7-

Ha ricevuto il Premio Socrate 2022 per il merito. Si distingue per la leadership e la visione strategica. Sotto la sua guida, Poste Italiane ha consolidato la sua posizione e introdotto innovazioni nei servizi. Ha puntato sulla digitalizzazione e l'efficienza operativa, migliorando il clima aziendale e la qualità dei servizi. La sua gestione equilibrata ha mantenuto l'azienda come un pilastro dell'economia italiana. Merita apprezzamento per il suo impegno e la capacità di innovare e affrontare le sfide del mercato con competenza.

GIUSEPPE LASCO

Poste Italiane

Direttore Generale

VOTO: 9

Ha seguito le orme del padre, Romano, entrando nell’azienda di famiglia. Le sue ottime capacità manageriali e imprenditoriali le hanno permesso di ricoprire incarichi di massima responsabilità, fino a diventare, a solo 40 anni CEO del Gruppo. In azienda ha coniugato tradizione e innovazione. "Le donne appartengono a tutti i luoghi in cui vengono prese le decisioni. ... Non dovrebbero essere l'eccezione." (Ruth Bader Ginsburg)

FEDERICA MINOZZI

Iris Ceramica Group

CEO

VOTO: 7+

Un bravo tecnico con un lungo percorso nel gruppo Cdp. Arriva alla multiutility capitolina dopo un periodo record sia per i risultati raggiunti sia per la rilevanza delle iniziative e dei progetti lanciati. Oggi è come una Ferrari ferma al pit stop in attesa di una nuova e super poltrona. “Il guerriero che crede nel suo cammino non ha bisogno di dimostrare che quello degli altri è sbagliato.” (Paulo Coelho)

FABRIZIO PALERMO

Acea

Amministratore Delegato e Direttore Generale

VOTO: 7+

Per perfezionare la sua conoscenza dell’italiano, prende lezioni di lingua due volte a settimana e legge libri per bambini. Ha attuato dei cambiamenti radicali nel Gruppo e questi stanno portando sulla strada del successo e della crescita redditizia a lungo termine. “Uno sforzo continuo - non la forza o l'intelligenza - è la chiave che sprigiona il nostro potenziale”. (Sir Winston Churchill)

JEAN-FRANÇOIS PALUS

Gucci

Presidente e CEO

VOTO: 7½

Manager stimato a livello nazionale ed internazionale per la sua competenza e professionalità. Ha ricevuto il prestigioso Premio Socrate 2019 per il merito.

SALVATORE ROSSI

Tim

Former Presidente

VOTO: 8

Ha reso Moncler una marca globale. La sua visione internazionale deriva dalla formazione professionale che ha sviluppato tra Italia e Stati Uniti. L'azienda, che festeggia quest'anno il settantesimo anniversario, cancella gli effetti della pandemia e supera le aspettative.

REMO RUFFINI

Moncler S.p.A

Presidente e Amministratore Delegato

VOTO: 7½

In ascesa

Un imprenditore di successo che ha collezionato ottimi traguardi in ogni campo in cui è approdato. Ha concluso operazioni finanziarie straordinarie come l’acquisizione degli asset della Italpetroli da Unicredit. Ha portato nel mondo dell'editoria la sua esperienza imprenditoriale. In attesa di vedere i risultati.

DONATO AMMATURO

Gruppo Ludoil

Presidente e Amministratore delegato

VOTO: 7-

Nonostante il rallentamento dovuto alla pandemia, il Gruppo continua a investire positivamente e punta ad azzerare l'impatto sull'ambiente entro il 2030. Insomma deve bere un caffè con un retrogusto amaro. “I problemi non sono segnali di stop, sono linee guida”. (Robert H. Schuller)

ANTONIO BARAVALLE

Lavazza

Amministratore Delegato

VOTO: 6½

Dotata di un forte spirito imprenditoriale e di una determinazione incrollabile, ha trasformato una modesta farmacia a Chiavari nel gigante farmaceutico Walgreens Boots Alliance, frutto della fusione delle rispettive aziende. Questo percorso è stato costantemente supportato dal suo compagno di vita, Stefano Pessina. Impegnata nella ricerca continua e nell'attivismo sociale, si distingue per il suo ruolo di leadership nelle sfide cruciali del nostro tempo.

ORNELLA BARRA

Walgreens Boots Alliance

COO

VOTO: 8-

Manager esperto ed eclettico con una forte impronta internazionale. Opera in tre settori differenti, ovvero telecomunicazioni, finanza e moda, ed eccelle in tutti. E’ molto attento ai temi di attualità e pensa che una delle più grandi sfide da affrontare sia la costruzione di grandi infrastrutture.

MARCO DE BENEDETTI

GEDI Gruppo Editoriale eCarlyle Group, Moncler

CDA, Managing director, Vice Presidente

VOTO: 7-

Riservatezza e sobrietà sono le sue parole d’ordine. Giovane imprenditore meneghino, ricco di famiglia, che sembra appartenere a un’altra generazione se non a un’altra epoca, è l' ultimo rampollo della dinastia di Silvio Berlusconi. Preferisce le luci dell’ufficio piuttosto che quelle dello spettacolo. Si è costruito competenze e conoscenze tali che è in grado di tenere alla larga "gatti e volpi".

LUIGI BERLUSCONI

H14, Gruppo Fininvest

Co-fondatore, Consigliere

VOTO: 7-

Era pronto a diventare leader europeo nei pagamenti digitali ma ha subito una battuta d’arresto specialmente, ma non solo, a causa del crollo del titolo in borsa, che è tornato ai livelli del debutto di tre anni fa. Risollevare la situazione potrebbe risultare arduo, ma l’azienda si fida di lui, riconfermandolo amministratore delegato.

VOTO: 6½

Pensa sia necessario lavorare a una infrastruttura con “una regia unica”, che possa liberare la competizione e consentire al sistema di acquisire più resilienza. A novembre lascerà per assumere un nuovo incarico professionale. Sarà sostituito da Sabrina Casalta. "La resilienza non è una condizione ma un processo: la si costruisce lottando”. (George Vaillant)

ALDO BISIO

Vodafone Italia, Vodafone

Amministratore Delegato, Chief Commercial Officer

VOTO: 7

Manager con una forte visione imprenditoriale. La sua leadership in Confindustria è stata caratterizzata da un approccio pragmatico e orientato alle riforme, con l'obiettivo di creare un ambiente più favorevole alla crescita e allo sviluppo delle imprese italiane.

CARLO BONOMI

Confindustria

Former Presidente

VOTO: 7-

Considerato uno degli imprenditori più importanti del nostro territorio. Ha come obiettivo l’attenzione e la volontà di investire in tecnologie verdi, il dialogo ed il confronto con gli stakeholders. Nominato Amministratore della Ago srl, società della famiglia Lavazza.

PIETRO BUZZI

Buzzi Unicem

Amministratore Delegato

VOTO: 7½

Detesta i pregiudizi. Una professionista competente e discreta nonostante si sia parlato spesso della sua vita amorosa. È tra i “pezzi grossi” del gruppo e nel tempo ha dovuto dimostrare di essersi meritata la posizione che ricopre. "Una donna con una voce è, per definizione, una donna forte." (Melinda Gates)

AZZURRA CALTAGIRONE

Caltagirone S.p.a.

Presidente

VOTO: 7

Crede nei valori prima che nel fatturato, nelle connessioni tra persone, nell’emozione che genera un prodotto e nelle mani che lo creano. La storia dell'azienda a cui fa capo è un viaggio affascinante iniziato a Venezia nel 2000 e che ha attraversato continenti. Oggi, il valore di questa storia vale milioni di euro. Negli ultimi tre anni, il gruppo ha registrato un notevole aumento dei ricavi mantenendo gli elevati margini di profitto caratteristici dell'alta moda. La quotazione a Piazza Affari del brand è sempre più vicina.

SILVIO CAMPARA

Golden Goose

CEO

VOTO: 7-

Imprenditrice e manager di successo. Nel 2017 è tornata in Italia per assicurare continuità all'operato del padre. Intelligente, riservata e piena di risorse, la più giovane figlia di Bernardo ha ereditato il suo stesso piglio sicuro e autorevole. Si è messa in gioco con nuove scommesse non solo per ampliare l'estensione territoriale, ma anche per garantire, grazie alla sua esperienza in ambito internazionale, un approccio più moderno e sostenibile. Una vera figlia d’arte. Riporta nelle librerie ‘Falce e carrello’ per onorare la memoria di suo padre.

MARINA CAPROTTI

Esselunga

CEO

VOTO: 7+

Nato e cresciuto all’interno di Unipol. È il banchiere italiano più pagato, con una busta paga che vale 5,6 milioni di euro. Con il suo stile moderno nel dirigere, ha trasformato l’azienda, facendola diventare un player centrale anche fuori dai confini nazionali. Ha lasciato il ruolo di group ceo di Unipol per rimanere esclusivamente presidente. Viene considerato l'ultimo Zar di Unipol, ma come tale dovrebbe tagliare diverse teste di sottoposti che non svolgono il proprio lavoro. "Siano i nostri corpi i gradini per il tuo trono di zar.“ (Alexander Sergejevič Puškin)

CARLO CIMBRI

Unipol Group

Presidente

VOTO: 7

Vola alto, a volte altissimo, forse un po' troppo perdendosi le prime guerre interne scoppiate in azienda tra alcune delle sue prime linee. Mente lucida e limpida, l'uomo che saprà far fare il vero salto strategico all'interno dell'azienda, ma gli diamo un consiglio spassionato: occhio ai polli nel pollaio, perché oltre alla visione occorre saper circondarsi anche delle persone giuste. “Il tempo è la risorsa più scarsa dei manager; se non viene gestita bene non si riesce a gestire nessuna altra cosa". (Peter Ferdinand Drucker)

ROBERTO CINGOLANI

Leonardo

CEO e Direttore Generale

VOTO: 6½

Manager capace di trasformare le difficoltà in opportunità. In poco tempo aveva ripensato a un nuovo modello di business focalizzato sul digitale. “La fortuna non esiste: esiste il momento in cui il talento incontra l'opportunità.” (Lucio Anneo Seneca)

BOB KUNZE CONCEWITZ

Campari

Former Amministratore Delegato

VOTO: 6½

Un uomo colto e intelligente. Per lui, l’istruzione è la cosa più importante per vincere la competizione sui mercati. Da anni ha preparato il terreno per il passaggio generazionale e infatti ha lasciato il board di Dea Capital per fare posto ai figli Enrico e Nicola, mettendo in pratica la strategia per consolidare la leadership dell’azienda.

MARCO DRAGO

De Agostini Spa

Presidente Emerito

VOTO: 7

Manager rigorosa e meticolosa. Vanta una lunga esperienza in importanti ruoli dirigenziali in diversi settori. Ha dedicato la sua carriera professionale quasi interamente al settore assicurativo e finanziario. A lei è andato uno dei nostri Premi Socrate nel 2017.

MARIA BIANCA FARINA

Ania, Consorzi Agrari d'Italia

Presidente

VOTO: 8½

Con pazienza e determinazione, ha progressivamente sviluppato un'impresa solida e affermata, partendo da un piccolo laboratorio artigianale sotto la sua abitazione. Un genio del marketing, i numeri della sua azienda sono in costante crescita. Ha un'autentica passione per le auto da rally. Questo stesso fervore e dedizione si riflettono nella gestione della sua azienda. “La pazienza, la perseveranza e il sudato lavoro creano un'imbattibile combinazione per il successo.” (Napoleon Hill)

FRANCO UZZENI

U-Power

Presidente

VOTO: 7½

Dopo aver preso in mano le redini dell’azienda di famiglia, ha iniziato a farle cambiare pelle verso una svolta green. Il suo nuovo piano industriale 2021-2025 prevede investimenti per oltre 2 miliardi, di cui il 90% dedicato alla crescita nelle rinnovabili.

EDOARDO GARRONE

Gruppo ERG

Presidente

VOTO: 7

La prima donna a ricoprire la carica di presidente dell'EIT - Istituto Europeo di Innovazione e Tecnologia e Presidentessa della Milano Smart City Alliance, vanta un curriculum invidiabile. Le sue competenze spaziano nei settori delle assicurazioni, delle infrastrutture e dell'healthcare. Per lei, la diversità non è solo un valore, ma una fonte di ricchezza e innovazione.

GIOIA GHEZZI

ATM

Presidentessa

VOTO: 7

Imprenditore e dirigente sportivo cauto e intelligente. Vuole investire sull’idrogeno verde visto il crollo dei prezzi dell’energia dell’anno scorso. Chiama in causa lo Stato affinché avvii un piano di investimenti pubblici nella filiera dell’acciaio.

ANTONIO GOZZI

Virtus Entella

Presidente

VOTO: 6½

È sempre rimasto fedele al settore assicurativo. Oggi è al comando di Zurich, la più grande compagnia svizzera. I riflettori si sono riaccesi su di lui da quando è risultato sul podio dei manager della finanza più pagati al mondo.

MARIO GRECO

Zurich Insurance Group

Ceo

VOTO: 7½

Un professionista con un'esperienza internazionale nel mondo delle telecomunicazioni. Recentemente ha avvertito il bisogno di cambiare la sua vita e le redini del team sono passate a Gianluca Corti e Benoit Hanssen.

JEFFREY HEDBERG

UniCredit

Cda

VOTO: 7

Il 2020 e il 2021 sono stati per il Gruppo anni d'oro segnati da una crescita importante. Nonostante il suo passo indietro, dopo le dimissioni di Massimo Garavaglia che lo aveva sostituito al timone esecutivo, è tornato a rappresentare per l'azienda una garanzia di continuità in questo momento di incertezza, fino alla scelta di un nuovo profilo.

FABIO DE’ LONGHI

De' Longhi

Vicepresidente e Amministratore Delegato

VOTO: 7-

I suoi principali interessi sono le auto di lusso, la finanza e soprattutto lo sport. È in una situazione critica per Olimpiadi e Paralimpiadi Milano-Cortina del 2026 anche se ha tentato di scaricare sul Ministro Abodi le responsabile dei ritardi. Un tempo la sua posizione era la più alta nella scala gerarchica, ma dopo le decisioni degli ultimi governi, il CONI è stato messo all’angolo da Sport e Salute.

GIOVANNI MALAGÒ

Coni, Circolo Canottieri Aniene

Presidente, Presidente Onorario

VOTO: 5-

Il "re di denari". Figlio del leggendario Achille Maramotti, anche lui come il padre non ama l’ostentazione nonostante la sua sia una delle famiglie più ricche d’Italia. Accanto alla passione per la moda c’è anche quella per le Banche e per l’arte. La collezione di famiglia consta infatti di una significativa selezione di oltre duecento opere! "O si è un’opera d’arte o la si indossa." (Oscar Wilde)

LUIGI MARAMOTTI

Max Mara

Amministratore Delegato

VOTO: 7

Imprenditore tecnologico e pioniere della sostenibilità, ha avuto l’idea folle di portare i marchi griffati online. Il New York Times l’ha definito “l’uomo che ha portato la moda sul web”. Ha “stipulato un’alleanza” con il Principe del Galles per il progetto Modern Artisan sulla sostenibilità della moda.

FEDERICO MARCHETTI

Yoox Net-A-Porter, GEDI, Armani

Ex Presidente e CEO, CdA

VOTO: 7-

Cuore, competenza e capacità imprenditoriali. È uno degli stilisti più amati nel panorama della moda. Le cose che più hanno valore nella sua vita sono i viaggi, tema cardine nelle collezioni. La sua azienda è stata messa in amministrazione giudiziaria per non aver impedito il caporalato praticato dagli opifici clandestini ai quali si rivolgevano gli appaltatori ufficiali. “L’unica regola del viaggio è: non tornare come sei partito. Torna diverso”. (Anne Carson)

ALVIERO MARTINI

Alviero Martini

Fondatore

VOTO: 6½

A lui è andato uno dei nostri Premi Socrate nel 2017. Un manager molto stimato e concentrato sul lavoro, con una lunga esperienza in ambito editoriale e culturale. Dopo aver guidato la trasformazione di Mondadori, ha deciso di non ricandidarsi per la guida della nota casa editrice e intraprendere una nuova strada. “La misura dell’intelligenza è data dalla capacità di cambiare quando è necessario”. (Albert Einstein)

ERNESTO MAURI

Teatro Manzoni di Milano

Presidente

VOTO: 7½

Personalità di spicco delle aziende automobilistiche per oltre vent’anni, impegno che continua a perseguire, ma che lo ha portato lontano da TIM, da cui invece si è distaccato. È stato nominato Cavaliere del Lavoro in merito ai suoi importanti traguardi raggiunti, poiché è stato uno dei pochi italiani ad avere assunto un ruolo di prestigio, che lo ha reso uno dei manager più illustri del momento. È stato nominato Presidente di Acea. "Non sottovalutare mai un tuo problema né la tua capacità di affrontarlo." (Robert H. Schuller)

LUCA DE MEO

Gruppo Renault, Associazione europea dei costruttori di automobili (ACEA)

CEO, Presidente

VOTO: 7½

La vicenda del “Ponte Morandi” si è ufficialmente conclusa con il ritorno di Autostrade allo Stato, ma la spaccatura con la famiglia Benetton ha sicuramente messo questo manager in una situazione spiacevole, dopo le intercettazioni riguardo la mancata manutenzione del ponte. Ma come ha recentemente dichiarato, alla fine, “basta chiedere scusa”. “Chi difende un colpevole si rende complice della colpa.” (Publilio Siro)

GIANNI MION

Banca Popolare di Vicenza

Ex Presidente

VOTO: 6½

La tigre di Cesena. Grande lavoratrice, lodevole. E’ una delle personalità femminili più influenti in italia. “Il carisma è l'intangibile che fa desiderare agli altri di seguirti, di starti vicino e di essere influenzati da te”. (Roger Dawson)

MONICA MONDARDINI

CIR

Amministratore Delegato

VOTO: 7+

È il secondo manager più pagato tra le società italiane quotate nel 2022. Ha creato dal nulla un gigante industriale e il suo impero è in costante crescita. Afferma: “Sono sempre stato innamorato di quello che ho fatto: di un mattone, di un cavallo, di un fiore o di una sciocchezza. Ma sempre innamorato”.

FULVIO MONTIPÒ

Interpump Group

Presidente

VOTO: 7

Un uomo con un’esperienza collaudata in molti settori. Tutto ciò che ha imparato negli anni lo ha impiegato nella creazione e nella gestione dell’azienda che ha fondato. Ama prendere decisioni chiare e definite.

FRANCO MOSCETTI

OVS, ASTM, Zignago Vetro, Axel Glocal Business

Presidente,Vice Presidente, Founder & CEO

VOTO: 6½

Un manager professionale e grintoso che da oltre trent’anni lavora nel settore crocieristico. Un affinato conoscitore delle flotte, con un’esperienza ai massimi vertici. Dopo un lungo fermo, è pronto a far ripartire i motori e far salpare le navi, si prevede un exploit per il 2023.

GIANNI ONORATO

MSC Crociere

Ceo

VOTO: 7+

Il tesoretto del suo predecessore e i continui tagli di personale agevolano i conti della Banca. In precedenza banca sistemica, la banca più internazionale di Italia non ha ancora chiarito il suo profilo. Comprerà la piccola BPM per pareggiare i conti con la più grande Intesa Sanpaolo che in precedenza aveva incorporata l’ottima UBI oppure riprenderà il suo cammino con qualche altra acquisizione internazionale? Per ora si gode il momento favorevole del mercato, ma in molti lo danno al posto dello stanco Sergio Ermotti Ceo Svizzero di UBS. Nel frattempo e dopo i rilievi della BCE, la banca ha modificato il piano di remunerazione del management, già approvato un anno fa dall’Assemblea dei Soci, con uno di azionariato diffuso per mettere in sicurezza il sontuoso stipendio del Ceo romano laureatosi alla Sapienza di Roma e che supera ormai i 9,75 milioni l’anno.

ANDREA ORCEL

UniCredit Group, UniCredit Foundation

CEO, Chairman

VOTO: 7-

È definito un ragazzo un po' "discolo". In poco tempo è passato da essere un informatico ad un imprenditore di successo di una delle più prestigiose aziende italiane. Il suo brand si distingue per la cura per i dettagli e la qualità della lavorazione. Nel 2018 è stato nominato Cavaliere del Lavoro. “Segui quel sogno, dovunque il sogno ti possa condurre.” (Elvis Presley)

MARCO PALMIERI

PIQUADRO SPA

Presidente e CEO

VOTO: 7+

Manager bergamasco che ha operato in molti settori ottenendo risultati positivi: dall’editoria e i media, alle crociere, alla finanza. È considerato l'uomo che sa parlare ai salotti.
Nonostante le critiche, ha deciso di non restituire il titolo di Cavaliere nell'Ordine della Legione d'Onore, perchè secondo lui la politica estera di un Paese non è fatta solo di principi, ma anche di interessi politici ed economici.

LORENZO PELLICIOLI

De Agostini Spa

Presidente del consiglio

VOTO: 8

Soprannominato il mago dei dati con una memoria fotografica. Ha costruito una delle più dinamiche imprese dell’era digitale. Basso profilo e una forma di ossessione per la privacy sono le sue caratteristiche. L'acquisizione di Prelios è arrivata al traguardo. "La vita ci insegna che bisogna fare il meglio che si può con quello che dio ti ha concesso". (Forrest Gump)

ANDREA PIGNATARO

ION Trading

CEO

VOTO: 7-

Vulcanico e irruento, è sempre pronto a dire la sua. Controcorrente, si dice favorevole all’uscita dell’Italia dall’euro, che considera uno dei più grandi errori. Per tutti l’inventore di Sharm, ma anche un economista, uomo di finanza, grande imprenditore, con interessi in tutto il mondo. Spesso è ospite apprezzato nei più importanti talk show della TV italiana. Ha ricevuto il prestigioso Premio Socrate 2020.

ERNESTO PREATONI

Domina Coral Bay

Proprietario

VOTO: 8

Virtuoso del pensiero trasversale e ardito, è stato definito dal Time uno dei più grandi guru nel settore tech. Dopo 16 anni ha deciso di liquidare la sua holding Sms Finance dopo aver cumulato 330 milioni di perdite.

SILVIO SCAGLIA

Elite World Group

Presidente

VOTO: 7+

Capacità e velocità di adattamento sono i suoi punti di forza. La vera sfida, per lui, è governare l’innovazione. Sta investendo in formazione per migliorare la professionalità dei lavoratori e nei prossimi tre anni sono previste 764 assunzioni.

PIETRO SELLA

Sella Group

CEO

VOTO: 6½

Proviene da una prestigiosa carriera nelle Istituzioni, dove ha raggiunto il vertice della Diplomazia. Ciò che colpisce subito di lui è la rapidità e la precisione decisionale. Risponde con prontezza e compiutamente agli impegni che ha.

ETTORE SEQUI

Sorgenia, Sace

Presidente, Vice Presidente

VOTO: 8-

Finalmente è riuscito a conquistare la tanto ambita posizione di CEO. Dopo aver ottenuto notevoli successi in Radio Rai, come CEO della Rai, si è trovato a dover affrontare nuove sfide. La sua mente strategica, la gestione pragmatica e il temperamento politico potrebbero rivelarsi risorse preziose per realizzare il suo programma. Uomo misurato nelle parole e nei gesti, Sergio sembra non perdere mai la calma, mantenendosi sereno anche sotto pressione. Il prestigioso Premio Socrate ricevuto nel 2020 è un riconoscimento della sua eccellenza.

ROBERTO SERGIO

Rai

Amministratore Delegato

VOTO: 8

Da piccolo sognava di diventare veterinario, poi la vita ha deciso altro per lui. È definito il re di due imperi, un re con due scettri. Passione, orgoglio, senso di appartenenza e valori sono i pilastri su cui si basa la visione d’azienda. "Dietro ogni impresa di successo c’è qualcuno che ha preso una decisione coraggiosa" .(Peter Ferdinand Drucker)

PLINIO VANINI

Gruppo Autotorino Spa, La Fiorida

Presidente, Fondatore

VOTO: 7-

Serio e professionale è pronto a buttare il cuore oltre gli ostacoli. Il “Lupo” è pronto ad azzannare il mercato.

PAOLO ZEGNA

Ermenegildo Zegna

Owner

VOTO: 7+

Stabile

Rappresenta un pilastro per la società, e infatti è tra i vertici dal 1996. Nonostante un primo momento di difficoltà, non si è lasciato abbattere dai problemi che hanno assalito il mercato durante e dopo l’emergenza sanitaria, guidando la società verso una fase di ascesa.

GIULIANO ADREANI

Publitalia e Digitalia, Mediaset

Presidente e Cda

VOTO: 6-

Incarna la passione, cultura e intraprendenza calabrese, l’azienda in un'icona del Made in Italy. La sua determinazione e innovazione rivitalizzano il marchio secolare, unendo tradizione e modernità, portando la Calabria e l'imprenditoria femminile italiana alla ribalta internazionale.

PINA AMARELLI

Amarelli

Presidente

VOTO: 7

E' tra i 25 Cavalieri del Lavoro 2022 nominati dal Presidente della Repubblica Mattarella. Con una lunga carriera internazionale, è uno dei manager più apprezzati nel mondo assicurativo, settore in cui ha ricoperto prestigiosi ruoli dirigenziali negli ultimi vent’anni. Sotto la sua esperta guida, Allianz è stato il primo Gruppo assicurativo-finanziario con azionariato totalmente straniero ad ottenere tre autorizzazioni dall’Authority locale per operare in Cina. La solidarietà e l'impegno sociale sono valori essenziali che caratterizzano ogni sua scelta manageriale.

SERGIO BALBINOT

Allianz S.p.A.

Presidente

VOTO: 6½

Simpatico, affabile e di bella presenza è molto professionale e con un curriculum straordinario. Il 2020 è stato un anno di stravolgimenti e per rispondere all’emergenza ha adeguato il business model e adottato nuove strategie.

PAOLO BASSETTI

Banijay Italy

Chairman e CEO

VOTO: 6½

È l'onorevole assenteista in Parlamento, nonché uno degli uomini più ricchi d'Italia. Ha lasciato definitivamente i suoi oneri in azienda, assumendo solo gli onori con la nomina di presidente emerito. “La poltrona, questa grande responsabile, questa promotrice della nostra «anima»”. (Emil Cioran)

ALBERTO BOMBASSEI

Brembo

Presidente Emerito

VOTO: 7-

Una figura di spicco nel settore vinicolo italiano e internazionale. La sua capacità di mantenere l'eccellenza nella produzione vinicola, pur innovando e adattandosi ai cambiamenti del mercato, ha reso Masi Agricola un simbolo di qualità e tradizione. La sua dedizione al territorio e alla promozione dei vini italiani ha avuto un impatto significativo, contribuendo a rafforzare la reputazione del vino italiano a livello globale.

SANDRO BOSCAINI

Masi Agricola

Presidente e Amministratore Delegato

VOTO: 7+

E’ nato senza camicia. Lungimirante e determinato ha costruito un brand forte battendosi contro le multinazionali. È considerato uno dei giganti della creatività marchigiana. Tutt’oggi preserva la manualità, la qualità e l’artigianalità. Spesso controcorrente, non ha delocalizzato la produzione all’estero ed è uno dei pochi a non aver sviluppato una piattaforma e-commerce per non fare concorrenza ai suoi rivenditori.

ENRICO BRACALENTE

Nero Giardini-Bag Spa

Fondatore e Amministratore Delegato

VOTO: 6+

Guarda al futuro ma senza mai perdere di vista le sue radici. Dal suo ingresso nel 2014 ha traghettato un’azienda a conduzione familiare verso il panorama internazionale. Ora punta allo sviluppo tra digital e retail.

GIANLUCA BROZZETTI

Gruppo Buccellati

Amministratore Delegato

VOTO: 7

Afflitto in tenera età dalla polio, ha vissuto tre vite con energia esemplare: latin lover fino a 40 anni, poi imprenditore di successo nel settore medico e da qualche tempo filosofo senile e acuto. “Se vuoi avere la vera libertà devi farti servo della filosofia.” (Seneca)

SIRO BRUGNOLI

MIR - Medical International Research

General Manager

VOTO: 7+

Il grande periodo di incertezza che sta vivendo l’industria turistica ha portato alla sua azienda un crollo di fatturato e redditività e una perdita netta di 102 milioni di euro. Impegnato nella gestione sostenibile, ha ottenuto la Green Card come migliore azienda nel settore del turismo nell’attenzione e protezione dell’ambiente.

GABRIELE BURGIO

Alpitour

Presidente e CEO

VOTO: 6½

Un vero professionista, sta festeggiando il secondo anno in azienda. Profondo conoscitore delle tematiche di governance, è stato il primo amministratore delegato della Borsa privatizzata. Ha un curriculum invidiabile e ha ricoperto numerosi incarichi.

MASSIMO CAPUANO

Pramerica Sgr

Presidente

VOTO: 6+

Versatile, poliedrico e geniale. E’ un imprenditore, dirigente d’azienda, saggista e scrittore italiano. Ama il Salento e proprio lì sono nati molti dei suoi scritti. Nel suo ultimo libro “La vita non è uno smart working” propone una fotografia dei cambiamenti, tra lavoro a casa e nuove tecnologie. Per lui, le emozioni costituiscono la vera risorsa di una persona e di un’azienda.

PIER LUIGI CELLI

Sensemakers

Presidente

VOTO: 7+

Serio e riservato, ha intrapreso un percorso di internazionalizzazione e ora è operativo anche in Germania. La solida situazione patrimoniale gli permette di supportare le acquisizioni. Attualmente ha in gestione 22,5 miliardi di asset alternativi.

PAOLO CERETTI

De agostini holding

General manager

VOTO: 6½

Dopo 9 anni al timone di Anas, durante il quale ha fatto la scelta di rinunciare al suo precedente incarico non per questioni di sensibilità, ma per evitare l'umiliazione delle dimissioni, seguendo quindi il percorso di quegli allenatori che lasciano il loro posto prima di subire l'esonero, recentemente ha assunto il nuovo ruolo di Amministratore, portando con sé la sua vasta esperienza nel settore. "Reggio Calabria e Messina furono rase al suolo: è una buona idea quella di costruire proprio lì, il Ponte sullo stretto di Messina a campata unica più lungo del mondo?" (Mario Tozzi)

PIETRO CIUCCI

Stretto di Messina S.p.A

Amministratore Delegato

VOTO: ?

Banchiere e dirigente d'azienda di lungo corso. Il suo grande know how gli ha permesso di sperimentare in molti settori. Pensa che le imprese siderurgiche italiane, per riprendersi debbano “capitalizzare, managerializzare, aggregare”.

CLAUDIO COSTAMAGNA

CC & Soci S.r.l., FTI Consulting

Founder and Chairman, Board Member

VOTO: 7

È stato nominato Cavaliere del Lavoro. La prossima sfida per il futuro? La decarbonizzazione. Sta studiando soluzioni e tecnologie alternative affinché le nuove navi siano conformi alle nuove regole. Ha guidato la sua azienda sempre con entusiasmo e perseveranza.

PAOLO D’AMICO

D'Amico Società di Navigazione

Presidente esecutivo

VOTO: 6½

Ha una lunga esperienza e una profonda conoscenza del settore in cui opera. La sua azienda è tra i leader mondiali del trasporto marittimo nei settori dry cargo. È da sempre attento alla sostenibilità e al cliente.

CESARE D’AMICO

D'Amico Società di Navigazione

Owner, Chief Executive Officer

VOTO: 7-

La sua carriera ha avuto inizio fin da giovane, a soli 5 anni, nel laboratorio sartoriale della madre. Caratterizzata da alti e bassi, ha sempre dedicato grande impegno anche al sociale. «Le mie donne sono uniche, forti e sensibili all'ambiente che le circonda, ma anche delicate e intrise di poesia». E proprio questa visione è ciò che la contraddistingue e che speriamo di vedere sempre più espressa nel suo lavoro.

ALBERTA FERRETTI

Aeffe

Vice Presidente

VOTO: 6½

Il suo Gruppo è stato fortemente colpito dalla pandemia, ma ha dimostrato un'ottima resilienza. Smart e intuitivo, ha utilizzato strategie di marketing vincenti, soprattutto nei canali online.

MASSIMO FERRETTI

Aeffe

Presidente

VOTO: 6½

Molto attivo. Uomo di fiducia di Cairo, competente. "La competenza professionale non è soltanto una condizione di prestigio, ma anche una questione di onestà".
(Gaston Courtois)

UBERTO FORNARA

CAIRORCS MEDIA, RCS MediaGroup

Amministratore delegato, Consigliere delegato

VOTO: 6½

È in una botte di ferro. Non ha sofferto la pandemia, anzi il suo settore è cresciuto e il Gruppo è in una situazione di solidità finanziaria come mai accaduto prima. Ha passato gli ultimi due anni in crescita. “La cosa più difficile del successo è che devi continuare ad avere successo”. (Irving Berlin)

ALBERTO GALASSI

Ferretti spa

Ceo

VOTO: 6

Ha spaziato in molti settori, passando da capo della polizia e dei servizi segreti a presidente del primo gruppo industriale italiano Leonardo. Di lui sappiamo che è un dirigente autorevole, esigente e cauto. Unico non americano ad aver ricevuto la massima onorificenza dell'FBI. È pronto a far decollare il ponte sullo stretto di Messina.

GIANNI DE GENNARO

Centro Studi Americani, Eurolink

Presidente

VOTO: 7

Ha una carriera di alto livello che gli ha permesso di raggiungere una reputazione di tutto rispetto. Ha avuto qualche problema con la magistratura, ma questo non lo ha buttato giù.

FEDERICO GHIZZONI

Rothschild Italia, Clessidra, Yeldo

Presidente e V.P Esecutivo, Advisory Board

VOTO: 7

Ha messo in campo le sue migliori potenzialità, ampliando la sua expertise nel business e nella cultura del gruppo. Il suo obiettivo è far crescere la rete di vendita e le strutture, per supportare una crescita futura.

ANDREA GUERRA

Gruppo Prada

CEO

VOTO: 6+

Noto per la sua esperienza nel guidare aziende nel settore delle telecomunicazioni attraverso periodi di significativo cambiamento e competitività nel mercato. Forte professionista dello sviluppo aziendale con formazione internazionale di alto livello. "Prendere decisioni risolute è una delle qualità essenziali del manager". (Martin Taylor)

MAXIMO IBARRA

Engineering Ingegneria Informatica

CEO e General Manager

VOTO: 7-

Nonostante sia la quarta generazione a guidare l'impero di famiglia, non è considerata la più talentuosa tra gli eredi. Crede fermamente nella sua professionalità e nelle sue capacità, trovando ispirazione anche in elementi apparentemente semplici come i fondi di caffè. La sua visione va oltre il successo aziendale, poiché ha istituito la Fondazione Time2 con l'obiettivo di sostenere iniziative legate all'innovazione, allo sviluppo sostenibile e all'inclusione sociale. Attraverso questa iniziativa, dimostra il suo impegno verso una visione più ampia di responsabilità sociale e ambientale, contribuendo così a creare un impatto positivo nella comunità e nell'ambiente circostante.

ANTONELLA LAVAZZA

Finlav, Gruppo Lavazza

Presidente e Cda

VOTO: 5½

Un manager che da scapolo d’oro è passato alla fede scoperta a Medjugorje. Dopo aver lavorato per quindici anni nelle aziende di famiglia oggi punta tutto sulla sua nuova holding. Molto attivo, inserito in diversi Cda.

MATTEO MARZOTTO

Ambra Holding, FAS International, Mittelmoda Premio GaetanoMarzotto, Progetto Marzotto, Fondazione Festival dei Due Mondi

Presidente, Vicepresidente, CdA

VOTO: 6

Un uomo dal carattere riservato e risoluto. E’ un convinto sostenitore del lavoro di squadra. Cavaliere del Lavoro, da oltre quarant’anni la sua vita professionale è caratterizzata da successi. A lui è andato uno dei nostri Premi Socrate nel 2019. "La cooperazione si basa sulla profonda convinzione che nessuno riesca ad arrivare alla meta se non ci arrivano tutti." (Virginia Burden)

GAETANO MICCICHÈ

Banca Imi, Engineering, Gruppo Prelios

Presidente e Vicepresidente

VOTO: 7½

Attento e minuzioso è un personaggio di spicco dell’economia. Si tiene stretto il fortino di via Filodrammatici.

RENATO PAGLIARO

Mediobanca

Presidente del CdA

VOTO: 6½

Un manager influente negli affari e nei rapporti dell’alta finanza grazie alla sua esperienza e professionalità. E’ l’uomo dalle mille poltrone. “Non puoi fare affari comodo in poltrona!”. (Feargal Quinn)

FABRIZIO PALENZONA

Gruppo Prelios, Fondazione CRT

Presidente, Former

VOTO: 7½

Gli sono state riconosciute competenza tecnica e capacità manageriali. È stato sostituito a Telespazio da Gabriele Pieralli. “L'astronomia costringe l'anima a guardare oltre e ci conduce da un mondo ad un altro.” (Platone)

LUIGI PASQUALI

Leonardo/Telespazio, AVIO

Former A.D Telespazio Coordinatore delle Attività Spaziali di Leonardo, Cda

VOTO: 6½

Camaleontico. Nella sua carriera è stato prima dirigente, poi politico e ora imprenditore. L’ultimo successo è la società che ha fondato e che sta ottenendo ottimi risultati. Nonostante la riservatezza, è tra i top manager che parlano di più sui social. "In un mondo che cambia, non c’è maggior rischio che restare fermi." (Jacques Chirac)

CORRADO PASSERA

Illimity

Fondatore e CEO

VOTO: 7-

Grande esperienza nel mondo dello sport. Sembra non essere totalmente soddisfatto e vorrebbe ritornare nelle prime linee. Questo però non è il momento giusto per abbandonare la sua società attuale, messa in ginocchio dal Covid. “Alla fine, quelli che vincono sono coloro che pensano di poterlo fare”. (Richard Bach)

GIOVANNI PETRUCCI

Fip

Presidente

VOTO: 6+

Un manager che si distingue per le proprie capacità. La sua banca è ai primi posti in Europa per solidità patrimoniale e redditività, così come è tra le società più sostenibili a livello mondiale. Ha riorganizzato la banca in funzione delle missioni contenute nel PNRR e lavorerà affianco al Governo per far ripartire l’economia italiana.

GIAN MARIA GROS PIETRO

Intesa Sanpaolo

Presidente del Consiglio di Gestione

VOTO: 7

Da anni in carica ed è più energica del primo giorno. Promuove la ricerca e l’attenzione verso i giovani e la loro formazione, mostrando impegno per lo sviluppo della leadership femminile. Attualmente, l’ecosostenibilità sembra essere l’elemento prioritario del suo lavoro. In prima linea anche sulla crisi energetica, ritiene essenziale creare connessioni tra imprese e mondo della ricerca per accelerare l’innovazione. “Per avere successo, lavora sodo, non mollare mai e soprattutto coltiva una magnifica ossessione.” (Walt Disney)

MONICA POGGIO

Bayer

Amministratore Delegato

VOTO: 7-

Un discreto e furbo manager che lavora con entusiasmo e determinazione. “Scegli il lavoro che ami e non lavorerai neanche un giorno in tutta la tua vita”. (Confucio)

CARLO PONTECORVO

Ferrarelle

Presidente e Amministratore Delegato

VOTO: 6

Ama la competizione, ma da troppo tempo è in ombra. “Chi regge la fiaccola resta in ombra”. (Alessandro Morandotti)

GIUSEPPE RECCHI

Stretto di Messina S.p.A.

Presidente

VOTO: 7-

È un uomo che vuole sempre andare controcorrente. Gli attribuiscono soldi e potere ma non è riuscito a conquistare la poltrona di presidente di Confindustria. “Essere potente è come essere una signora. Se hai bisogno di dirlo, non lo sei.” (Margaret Thatcher)

GIANFELICE ROCCA

Techint e Humanitas

Presidente

VOTO: 6+

Acculturato, alla mano e con la battuta sempre pronta. È uno dei pochi a fare parte del mitico comitato dove tutto si decide. Sempre in linea con Pier Silvio Berlusconi, responsabile di ogni risultato nel bene e nel male.

ALESSANDRO SALEM

Grupo Audiovisual Mediaset España Comunicación

Amministratore Delegato

VOTO: 7

Molto riservato, non ama i gossip e soprattutto i social. Cosa farà da grande?

FABRIZIO SALINI

OnTheClouds, Minerva Pictures, Lovit Srl

Fondatore e CEO, Consigliere, CEO

VOTO: 7

Una donna tutta d'un pezzo, son solo imprenditrice, ma anche impegnata in progetti filantropici. Tra le donne più ricche d’Italia secondo Forbes. “Sii saldo nelle tue decisioni ma rimani flessibile nel tuo approccio” (Tony Robbins)

ISABELLA SERAGNOLI

Gruppo Coesia

Presidente

VOTO: 5+

Settore d'oro per un Paese che invecchia. In passato ha preso la coraggiosa decisione di lasciare il posto sicuro in banca per investire poche lire in una nuova attività. Oggi questa scelta vale 50 milioni. “La vita è sempre trionfo dell’improbabile e miracolo dell’imprevisto”. (Henri de Lubac)

SERGIO TORELLI

PrivatAssistenza

Fondatore

VOTO: 6

Un leader dinamico e attento alle nuove tecnologie. Sta avendo ottimi risultati con le navi e sotto la sua guida la compagnia è cresciuta significativamente, espandendo la sua flotta e migliorando la sua posizione nel mercato globale delle crociere.

PIERFRANCESCO VAGO

MSC, Clia

Executive Chairman, Global Chairman

VOTO: 7-

Professionista con una profonda conoscenza del settore bancario e finanziario, pronto a buttarsi in nuove sfide. Coltiva la passione per la scrittura. “Il cambiamento è il processo col quale il futuro invade le nostre vite”. (Alvin Toffler)

FLAVIO VALERI

BCG, Gardant, Lazard, Zurich Bank, QuattroR,

Senior Advisor - Financial Institutions, Chairman, Non Executive Board Member, Chairman

VOTO: 7-

Per incrementare le vendite punta sull'e-commerce con una collezione smart style per lo smart working. Il suo brand è tra i primi dieci nella classifica sulla sostenibilità.

ERMENEGILDO ZEGNA

Ermenegildo Zegna

Amministratore Delegato

VOTO: 7½

“L’Attimo Fuggente” non è abituato a precipitarsi sul carro dei vincitori, ma sostiene e difende – siamo garantisti - i personaggi in difficoltà, divenuti di colpo un bersaglio abituale per i processi mediatici. Pensiamo che Zonin probabilmente ha avuto solo una colpa: fidarsi di collaboratori inaffidabili e sleali.

GIANNI ZONIN

Casa vinicola Zonin

Presidente

VOTO: 8½

Discussi

Oltre a essere un imprenditore di successo, è conosciuto per il suo impegno nel promuovere uno stile di vita sano e nell'innovazione nel settore del fitness. Ha ricevuto numerosi riconoscimenti e premi per il suo contributo all'industria e al benessere globale. “Gli italiani sono un popolo di sedentari. Chi fa carriera ottiene una poltrona”. (Gino Bartali)

NERIO ALESSANDRI

Technogym

CEO e Fondatore

VOTO: 5+

Una carriera brillante e di tutto rispetto che lo ha portato a raggiungere le stelle. Fin da quando ha mosso i suoi primi passi nel mondo manageriale ha portato avanti una linea ascendente che gli ha permesso di emergere come uno dei più competenti del suo settore. Per questo motivo, si è lamentato del processo che ha portato alla definizione dello stipendio, del tutto fuori dalle normali logiche e procedure di mercato. Sarebbe stato l’amministratore delegato perfetto per FCA/Stellantis. “Quando un uomo rivolge tutta la volontà verso una data cosa, finisce sempre per raggiungerla.” (Herman Hesse)

ALFREDO ALTAVILLA

Ita Airways, Oltre Consulting Srl

Ex Presidente, Advisory Board Member

VOTO: 7

Un uomo nato per essere leader che non ama i riflettori e gira il mondo per conquistare clienti e contratti. E’ l’esempio della forza e della vitalità imprenditoriale. Il consiglio all’unanimità ha deciso per la sua nomina a vicepresidente anche come un segno di riconoscenza per il futuro.

VALERIO BATTISTA

Gruppo Prysmian

Vicepresidente

VOTO: 7½

Molto ottimista per il futuro, questo potrebbe offuscargli la vista lasciandolo impreparato se le cose non dovessero andare come prevede. Quest'anno ha investito 150 milioni di euro per tentare di essere il leader del settore.

ANTONIO MARCEGAGLIA

Gruppo Marcegaglia

CEO e Presidente

VOTO: 6

Un bolognese DOC. Si butta sempre in nuove avventure, l’ultima riguarda i bus. “Non c’è alcun segreto per avere successo. E’ il risultato di preparazione, duro lavoro e di imparare dai propri errori”. (Colin Powell)

LUCA CORDERO DI MONTEZEMOLO

NTV, Itabus, Tod's

Presidente, socio fondatore, CdA

VOTO: 4

Si considera un buon giocatore di scacchi, abile nell'immaginare la sequenza di mosse e contromosse. Ha archiviato in fretta la sua vecchia esperienza e con la sua abilità è pronto a ricominciare nonostante le difficoltà che gli si stanno presentando davanti. "Nessuno può tornare indietro e ricominciare da capo, ma chiunque può andare avanti e decidere il finale".
(Karl Barth)

JEAN PIERRE MUSTIER

Spac

Co-fondatore

VOTO: 5½

Accusato di manipolazione del mercato borsistico, insider trading e ostacolo all'autorità di vigilanza, dopo l'assoluzione il "banchiere di Dio" è tornato nel cda della banca di famiglia per dare ossigeno al figlio in difficoltà. "Ci sono persone che annegano lottando contro i loro soccorritori". (Octavia Butler)

GIAMPIETRO NATTINO

Banca Finnat

Presidente Onorario e CdA

VOTO: ?

Ha perso la sua capacità di vedere oltre e di resistere a tutto. Dopo vent'anni ha capito che non era più il caso di ricandidarsi e ha lasciato Bpm. “Accettare il fallimento è un’attitudine da vincenti”. (Alain Robert)

CARLO FRATTA PASINI

Fondazione Gemelli

Presidente

VOTO: 5½

Intelligente e carismatico, sa coniugare funzionalità, comodità e sostenibilità in ogni suo prodotto. Ha bene a mente quali sono gli obiettivi per il futuro. Punta molto sull’e-commerce.

MARIO MORETTI POLEGATO

Geox

Presidente

VOTO: 6½

Dopo essere stato assolto in secondo grado, ora è alla ricerca di una nuova super poltrona. “Nulla può superare la futilità della nostra esistenza se non la follia delle nostre ambizioni.” (Oliver Goldsmith)

ALESSANDRO PROFUMO

Leonardo - Finmeccanica

Ex Amministratore Delegato

VOTO: 6½

Considerato schivo e silenzioso. Dopo un passato da manager nel settore energetico è riuscito a far decollare l’azienda in cui lavora. Con il suo fondo continua a investire nella crescita delle aziende italiane. “Fare l’imprenditore non è un lavoro è un’attitudine” (Jack Dorsey)

RENATO RAVANELLI

F2i

Amministratore Delegato

VOTO: 6½

Attivo in lavori pubblici e infrastrutture. Sembra che la lente di ingrandimento dei giudici sia ancora puntata su di lui. Gli vengono contestati i reati a vario titolo.

CARLO TOTO

Toto Costruzioni Generali

Presidente

VOTO: 5

Nata come "La sorella di...", ha saputo trascendere l'ombra del fratello fondatore, Gianni Versace, per diventare un'icona della moda a tutti gli effetti. Con il suo approccio contemporaneo e la sua innata sensualità, ha rinnovato l'eredità di glamour della Maison Versace, celebrandola nei contesti più prestigiosi, dai red carpet alle passerelle internazionali. È diventata un simbolo della moda, mantenendo vivo il prestigio della medusa Versace e consolidando il suo status di figura iconica nel panorama della moda mondiale.

DONATELLA VERSACE

Gianni Versace

Direttore Creativo

VOTO: 7

In discesa

Non gli piace essere messo in discussione. Ha ricomprato la sua società ma gli azionisti sono scontenti della sua gestione e dei suoi ritardi sui report ufficiali.

MATTEO ARPE

Sator Spa

Fondatore, Presidente e A.D.

VOTO: 6+

Imprenditore e non solo. Recentemente ha dato avvio al programma di educazione alla salvaguardia dei mari “Sea Beyond”, con UNESCO. La sua azienda racchiude a pieno l'esempio di innovazione, spirito di squadra, talento e competenza. Dice: “È sacrosanto guardare il passato perché senza capirlo non puoi migliorare il futuro, ma se ti attacchi al passato per tranquillizzarti ti freni”.

PATRIZIO BERTELLI

Prada

Presidente del CdA e Amministratore esecutivo

VOTO: 6

Era chiamato “l’asso pigliatutto”, ultimamente il James Bond della finanza è invecchiato. Ha azzerato la sua partecipazione da Aston Martin, che è al suo settimo fallimento, ma ha acquistato il 52% di Eataly dalla famiglia Farinetti. Speriamo che questi imprevisti possano insegnargli a risorgere dalle proprie ceneri.

ANDREA C. BONOMI

Bonomi Group

Financial Center Manager

VOTO: 6-

Dirigente di spicco nel settore finanziario e assicurativo. Era uscito dalla scene dopo una perdita complessiva di 1,3 milione di euro che ha fatto scivolare i suoi guadagni. Ora è tornato con un nuovo ruolo.

FABIO CERCHIAI

BPER Banca

Presidente

VOTO: 6

Si considera il “re del cashmere”. Partendo da zero è riuscito a costruire un impero entrando di diritto nella classifica dei paperoni d’Italia. Egocentrico e intuitivo, parla spesso della sua azienda e cita sempre filosofi nei suoi discorsi, ultimamente però sembra aver avuto qualche intoppo. Ha addirittura scritto una lettera per la pace, sperando che in questi tempi di guerra ‹‹la discordia ceda il posto alla concordia››. Gli daranno anche il nobel?

BRUNELLO CUCINELLI

Brunello Cucinelli SpA

Fondatore e Ceo

VOTO: 4

Imprenditore con tanti obiettivi ancora da raggiungere. Ama Bologna e vuole investire tanto in questa città. Alcuni lo considerano una persona di qualità ma ciò non riesce a fare quotare la società in borsa. “Un progetto che promette soltanto delizie non è possibile che riesca“. (Jane Austen)

OSCAR FARINETTI

Eataly

Fondatore e Creatore

VOTO: 5

La "Signora del caffè". Sensibile e con un’accentuata vena artistica. Si impegna da sempre nell’applicare l’innato spirito d’innovazione e sperimentazione di Lavazza al mondo della Comunicazione, cercando, attraverso la contaminazione con l’Arte e la Cultura, linguaggi privilegiati con cui raccontarci al mondo.

FRANCESCA LAVAZZA

Adisco sezione Piemonte, Gruppo Lavazza

Presidente, Amministratore Delegato e Cda

VOTO: 6

Imprenditore italiano, uno stratega sempre pronto a reagire. È stato uno dei principali artefici della trasformazione di Tod's in un marchio globale di lusso. "Il successo è la somma di piccoli sforzi ripetuti giorno dopo giorno." (Robert Collier)

DIEGO DELLA VALLE

Tod's

Presidente

VOTO: ?

Per proposte e interventi questi i recapiti da contattare: tel. 06-93574813 redazione@attimo-fuggente.com
E ogni giorno news ed informazioni direttamente sul sito http://www.attimo-fuggente.com/

Torna in alto