AbitareIn: ceduta a Supernova l’operazione di sviluppo in via Cadolini a Milano. Sottoscritto il preliminare di vendita per € 72 mln

Il deal conferma la capacità del Gruppo di diversificare le modalità di valorizzazione delle operazioni di sviluppo in pipeline

AbitareIn S.p.A., società milanese leader nello sviluppo residenziale, ha sottoscritto (per il tramite di una società interamente controllata) un accordo preliminare per la vendita dell’operazione di sviluppo di via Cadolini a Milano (ex Plasmon). L’accordo è stato concluso con un primario operatore del settore della rigenerazione urbana, Supernova, che intende portare avanti il progetto per la realizzazione di un complesso immobiliare “Mixed Use”. L’accordo si è perfezionato a seguito dello svolgimento di una due diligence da parte dell’acquirente, che ha offerto, per l’acquisto, il corrispettivo di € 72 mln. In data odierna, con la sottoscrizione del contratto preliminare, l’acquirente ha versato l’importo di € 11 milioni a titolo di caparra confirmatoria. Sull’operazione grava attualmente un debito di € 10 milioni, costituito da un finanziamento bancario utilizzato per le attività svolte sull’area.

L’operazione di via Cadolini, una delle iniziative nella pipeline del Gruppo, interessa un’area di circa 31.000 mq di SL (Superficie Lorda) nella zona dello Scalo Porta Romana; AbitareIn, prima della cessione, ha svolto una significativa attività di sviluppo sia dal punto di vista urbanistico, sia da quello del risanamento ambientale, poiché il sito – fortemente inquinato – era caratterizzato da edifici industriali di grandi dimensioni abbandonati da anni, con un’ingente presenza di diversi contaminanti oltreché di amianto.

AbitareIn ha avviato l’operazione ex Plasmon nel 2018, data dell’acquisto da parte del Gruppo, portando a termine un’attività di rigenerazione con grandi benefici per la città, ma anche con un rilevante ritorno di tipo economico.

Commenta così l’operazione Luigi Gozzini, Presidente della Società: “Grazie alla nostra visione di lungo periodo e al know how acquisito, abbiamo costruito negli anni una pipeline di considerevoli dimensioni – composta oggi di 22 diverse iniziative, con differenti dimensioni e caratteristiche – facendo delle attività di rigenerazione urbana e land development il nostro core business, creando valore anche dal punto di vista sociale e ambientale”.

Aggiunge Marco Grillo (nella foto), A.D. di AbitareIn: “Riteniamo che la conclusione di questa operazione, oltre ad avere un importante ritorno di tipo economico, rappresenti una dimostrazione concreta del valore della Società, evidenziando, in maniera inequivocabile, la capacità di operare positivamente sul tessuto urbano, recuperando siti in stato di abbandono e trasformandoli in progetti che possono essere valorizzati con successo nelle diverse fasi di sviluppo”.

La sottoscrizione del contratto definitivo di cessione è prevista a cavallo tra il terzo e quarto trimestre (solare) 2023, a seguito della certificazione di avvenuta bonifica (le cui attività sono ad oggi quasi integralmente concluse). Per la conduzione delle trattative e la conclusione dell’operazione, Dils ha agito in qualità di advisor. La parte venditrice è stata assistita per gli aspetti legali dallo Studio ADVANT Nctm, con un team guidato dagli Avv.ti Luigi Croce e Rosemarie Serrato, e dall’Avv. Marco Starace, mentre lo Studio Belvedere Inzaghi Partners, con gli Avv.ti Guido Inzaghi e Ivana Magistrelli ha assistito la parte acquirente.