La riduzione delle consegne di gas dalla Russia incide negativamente sui risultati di Uniper nel primo semestre 2022

  • EBIT rettificato di –€564 milioni e utile netto rettificato di –€359 milioni significativamente al di sotto dei rispettivi dati dell’anno precedente
  • Perdita netta IFRS di oltre 12 miliardi di euro, in gran parte determinata dall’anticipazione delle perdite di riduzione del gas
  • Indebitamento economico netto significativamente più elevato, in particolare a causa del flusso di cassa operativo negativo
  • Guadagno negativo previsto per l’intero anno 2022
  • Approvazione del pacchetto di stabilizzazione previsto in assemblea straordinaria nell’autunno del 2022

Uniper ha registrato un EBIT rettificato di –564 milioni di euro nel primo semestre dell’esercizio 2022 (primo semestre 2021: 580 milioni di euro).

Gli utili del segmento Global Commodities sono diminuiti significativamente rispetto al periodo dell’anno precedente. Dopo gli ottimi guadagni dello scorso anno, il calo è principalmente attribuibile al business del gas, che risente negativamente della riduzione delle consegne di gas dalla Russia. Per adempiere ai contratti con i propri clienti, Uniper è stata costretta ad acquistare gas sul mercato spot a prezzi elevati. La mancata ricorrenza di proventi di ottimizzazione straordinari a causa del clima estremamente freddo nel periodo dell’anno precedente ha influito negativamente sul portafoglio internazionale nei primi sei mesi di quest’anno.

Anche gli utili del segmento Generazione europea sono stati significativamente inferiori rispetto al periodo dell’anno precedente. Come nell’anno precedente, ciò è attribuibile in particolare a un aumento della misurazione del fair value degli accantonamenti per quote di carbonio, che sono compensati da coperture che non saranno regolate fino al quarto trimestre del 2022. Inoltre, il business idroelettrico nordico ha registrato un significativo guadagni inferiori a causa delle discrepanze di prezzo tra i cosiddetti prezzi di sistema svedesi e i prezzi di consegna nelle zone di prezzo pertinenti. I minori ricavi dal mercato della capacità del Regno Unito, l’aumento dei costi di consegna e di approvvigionamento di carbon fossile nell’ambito della strategia transitoria di Uniper per diversificare l’approvvigionamento di carbone e la dismissione della centrale di Schkopau nell’autunno del 2021 hanno ugualmente influito negativamente sull’EBIT rettificato.

Gli utili del segmento Russian Power Generation sono stati significativamente superiori al livello dell’anno precedente. I motivi principali sono stati la rimessa in servizio dell’unità 3 presso la centrale elettrica di Beryozovskaya nel maggio 2021 e il relativo reddito derivante dal meccanismo di capacità, insieme al volume delle vendite e ai prezzi più elevati nella zona dei prezzi siberiana. La scadenza dei pagamenti di capacità a lungo termine per due unità di generazione presso la centrale di Surgutskaya è stata un fattore negativo.

L’utile netto rettificato , che replica in gran parte l’EBIT rettificato, si è attestato a –359 milioni di euro dopo sei mesi, significativamente al di sotto dell’utile netto rettificato dell’anno precedente di 485 milioni di euro.

Il risultato netto IFRS ammonta a una perdita di oltre 12 miliardi di euro. Poco più della metà (6,5 miliardi di euro) è correlata all’impatto futuro previsto dalle riduzioni del gas. Inoltre, il risultato netto IFRS riflette svalutazioni per complessivi 2,7 miliardi di euro allocati al prestito Nord Stream 2 e avviamenti dei segmenti Global Commodities e Russian Power Generation. La restante parte è relativa alla valutazione al fair value dei derivati ​​di copertura, che sarà successivamente compensato da utili positivi sugli asset sottostanti.

L’indebitamento finanziario netto è aumentato significativamente da 324 milioni di euro a 2.057 milioni di euro. Il motivo principale è stato il flusso di cassa negativo in combinazione con una riduzione delle consegne di gas russe insieme alle misure per migliorare la liquidità nelle attività di gas e quote di emissioni alla fine del 2021. Il flusso di cassa operativo è stato anche influenzato negativamente dalle variazioni del capitale circolante derivanti principalmente da prezzi più elevati sui mercati delle materie prime.

Una previsione sugli utili per l’esercizio in corso non può ancora essere emessa entro un intervallo adeguato a causa del contesto instabile. Tuttavia, Uniper prevede di registrare utili negativi a causa della significativa riduzione delle consegne di gas russe.

Il CEO di Uniper, Klaus-Dieter Maubach (nella foto), ha dichiarato: “Uniper svolge da mesi un ruolo cruciale nella stabilizzazione dell’approvvigionamento di gas della Germania, a costo di miliardi di perdite derivanti dal forte calo delle forniture di gas dalla Russia. Il governo federale tedesco lo ha riconosciuto e ha intrapreso un’azione decisiva. Il 22 luglio il governo federale, Uniper e Fortum hanno concordato un pacchetto di misure per stabilizzare Uniper. Ciò impedirà una reazione a catena che farebbe molti più danni. La nostra massima priorità ora è implementare rapidamente il pacchetto di stabilizzazione”.

Tiina Tuomela, CFO di Uniper, ha dichiarato: “Gli utili del primo semestre 2022 riflettono già il significativo impatto negativo della riduzione delle consegne di gas dalla Russia. Tuttavia, la performance operativa della nostra attività è stata solida e la produzione di energia è stata al livello dell’anno precedente. Ciò dimostra che le nostre centrali elettriche svolgono un ruolo importante nell’approvvigionamento delle persone e dell’industria. Il contesto volatile non consente attualmente una previsione di utili entro un intervallo adeguato per l’anno finanziario in corso. Tuttavia, prevediamo di registrare utili negativi a causa della significativa riduzione delle consegne di gas russe. Prevediamo un miglioramento degli utili nel 2023 e miriamo a lasciare la zona di perdita a partire dal 2024″.