Autobrennero: confermato Diego Cattoni come Amministratore delegato

Diego Cattoni è stato confermato come Amministratore delegato di Autobrennero, uno degli assi principali della rete autostradale italiana, in quanto collega la Pianura Padana e l’autostrada A1 con l’Austria e la Germania – gestita da Autostrada del Brennero S.p.A. Hartmann Reichhalter è stato confermato come Presidente del board. 

Inoltre, è stato annunciato il nuovo Consiglio di Amministrazione di Autobrennero che sarà composto da Richard Amort, Giovanni Aspes, Anna Bertazzoni, Diego Cattoni, Raffaele De Col, Franco Ianeselli, Astrid Kofler, Mattia Palazzi, Maria Chiara Pasquali, Hartmann Reichhalter, Giulio Santagata e Cristina Santi. Entrano a far parte del CdA il sindaco di Trento Ianeselli e la sindaca di Riva del Garda Santi. Manca la rappresentanza dell’area veronese che ha poco condotto le elezioni comunali nel capoluogo. 

Gli obiettivi per il nuovo mandato sono quelli di ottenere una nuova concessione autostradale e di ridisegnare in termini di digitalizzazione, transizione ecologica e intermodalità la mobilità dell’asse Brennero-Modena.

“In un periodo così importante per la società, legato alla valutazione da parte del Governo della proposta di finanza di progetto finalizzata all’ottenimento del rinnovo della concessione autostradale, il rinnovo degli organi societari è un passaggio cruciale. Siamo contenti, anche e soprattutto in questo frangente, di essere riusciti ad assicurare, anche per il prossimo triennio, la più ampia rappresentatività possibile dei soci al loro interno, che sarà importante e costruttiva per il percorso che abbiamo davanti a noi”, dichiara Arno Kompatscher, Presidente della Provincia Autonoma di Bolzano.

”L’obiettivo che ci poniamo come soci è ottenere una nuova concessione autostradale per Autobrennero, in modo che i nostri territori restino i protagonisti delle scelte in materia di mobilità dal Brennero a Modena. Per questo, riteniamo che la scelta più saggia sia confermare gli amministratori che hanno prodotto la proposta di finanza di progetto ora all’esame del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili”, commenta Maurizio Fugatti, Presidente della Regione Autonoma Trentino-Alto Adige/Südtirol.

“Abbiamo lavorato a ritmi così serrati che sembra sia passato molto più tempo di soli tre anni. Nel frattempo, abbiamo dovuto gestire gli effetti di una pandemia e livelli di traffico calati improvvisamente come mai prima nella storia, lo scenario relativo alla concessione è radicalmente mutato. Abbiamo sempre agito in modo da gestire i problemi e cogliere le opportunità senza mai subire gli eventi. Le conferme di oggi e la rinnovata fiducia da parte dei Soci rappresentano uno sprone a continuare lungo questa strada per raggiungere tutti gli obiettivi che ci siamo dati”, dichiara Cattoni.

“Sappiamo tutti  quanto sia importante ottenere una nuova concessione ed è per questo che ritengo essenziale che i territori restino uniti e compatti nel perseguire tale obiettivo. In questi anni, abbiamo cercato di trovare sempre una sintesi tra le diverse istanze di tutti i Soci, sia pubblici che privati, dei territori di pianura come di quelli caratterizzati da strette valli alpine. Penso che mantenere anche in futuro questo equilibrio sia il modo migliore per continuare a conseguire buoni risultati. Posso garantire che il nostro impegno sarà massimo per fare in modo che la proposta di finanza di progetto diventi la base progettuale sulla quale sviluppare una nuova mobilità”, commenta Hartmann Reichhalter.