PayByPhone nomina Jonny Combe nuovo CEO globale

La società globale di pagamenti per parcheggi PayByPhone – la cui app è già attiva in tantissime città d’Italia -ha annunciato di aver promosso Jonny Combe a CEO globale, a partire dal 1 agosto.

Combe è stato in precedenza un membro del senior leadership team dell’azienda. Durante la transizione, Combe lavorerà al fianco dell’attuale CEO Andy Gruber , che lascerà il ruolo dopo quattro anni per entrare a far parte della società madre di PayByPhone, Volkswagen Financial Services AG.

Combe riferirà anche a un consiglio di sorveglianza guidato da Stefan Imme, chief digital officer di Volkswagen Financial Services.

“Il viaggio di crescita e sviluppo che Andy ha condotto nei suoi quattro anni è stato incredibile”, ha detto Imme in un comunicato stampa. PayByPhone ha più che raddoppiato il numero di account mensili attivi e si è esteso da cinque a 11 paesi durante il mandato di Gruber.”

“Man mano che ci evolviamo e cresciamo, voglio guidare la nostra etica di semplificare i viaggi dei nostri clienti e clienti. Siamo in una posizione unica: PayByPhone è l’unico attore nel nostro settore ad avere un’app che può essere utilizzata a livello globale, in quasi 1.300 città”, ha detto Combe nel comunicato. “Le possibilità di crescita continua e successo sono eccezionali.”

Combe in precedenza ha ricoperto diversi ruoli dirigenziali presso BMW Group.

A maggio, PayByPhone ha annunciato che la sua app di parcheggi si stava espandendo in Germania e in Italia proprio mentre i vacanzieri stavano pianificando le vacanze estive post-COVID.

“Mentre le persone finalmente si avventurano per le vacanze tanto attese, l’aggiunta di quasi 500 città dalla Germania e dall’Italia all’app PayByPhone è solo un altro modo in cui stiamo semplificando i loro viaggi”, ha detto Gruber all’epoca. ” 50 milioni di utenti di PayByPhone possono ora utilizzare la nostra app per pagare il parcheggio nelle grandi destinazioni turistiche europee come Berlino o Napoli, oltre a città già presenti come Parigi, Londra e Amsterdam”.