Gianfranco Maraniello è il nuovo direttore del Polo Museale Moderno e Contemporaneo di Milano

Lo storico d’arte – classe 1971 – Gianfranco Maraniello è stato nominato direttore del nuovo Polo Museale del Moderno e Contemporaneo di Milano, prendendo il posto di Anna Maria Montaldo. 
Il neo direttore avrà il compito di supervisionare le istituzioni aderenti al nuovo Polo Museale – del quale fanno parte il Museo del Novecento, GAM Galleria d’Arte Moderna, Palazzo Morando, Casa Museo Boschi Di Stefano e Studio Museo Francesco Messina – ed inoltre dovrà gestire il raddoppio del Museo del Novecento che a breve si espanderà nella Torre dell’Arengario, ampliando i spazi espositivi ed i suoi percorsi.

Non è la prima volta che Maraniello assume l’incarico di direttore: ha ricoperto la posizione sia al MART dal 2015 al 2020– Museo di Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto – sia al MAMBo di Bologna dal 2005 al 2015.

Gianfranco Maraniello – figlio dell’artista Giuseppe Maraniello – sì è laureato in filosofia presso l’Università statale di Milano, ampliando il suo interesse nei confronti delle pratiche filosofiche, museo grafiche e museologiche. Lo storico d’arte, nonché critico d’arte contemporanea ha iniziato la sua carriera come redattore della rivista FlashArt, per poi entrare a far parte dei consigli di amministrazione in istituzioni quali Pinacoteca di Brera, Veneranda Fabbrica del Duomo e Collezione Farnesina. Maraniello è stato anche Presidente di AMACI – Associazione dei Musei d’Arte Contemporanea Italiana dal 2015 al 2022. 

La nomina è stata annunciata da Sacchi in una conferenza stampa alla  GAM di Milano. “Maraniello sarà il nuovo direttore del polo moderno e contemporaneo”, “La selezione è stata straordinaria per Milano e ci restituisce il grande protagonismo di Milano e delle sue istituzioni culturali. Grandi professionisti e studiosi hanno deciso di partecipare alla selezione che quindi è stata complessa”.