Ketchum nomina Jo-Ann Robertson leader dei mercati globali

Jo-Ann Robertson (nella foto) rimarrà come CEO del Regno Unito fino alla fine dell’anno e sarà responsabile delle operazioni di Ketchum in Europa, Canada e Brasile, considerato che l’agenzia effettua anche altre promozioni globali. La società Ketchum ha affidato a Jo-Ann Robertson il nuovo ruolo di presidente dei mercati globali, insieme ad altre nomine globali presso l’azienda.

Il CEO del Regno Unito Robertson ha assunto per la prima volta un ruolo globale l’anno scorso. Nel suo nuovo ruolo sarà responsabile delle operazioni di Ketchum in Europa, Canada e Brasile e continuerà a riferire al presidente e CEO di Ketchum Mike Doyle. Oltre a continuare ad essere lo sponsor di Ketchum per la strategia globale DE&I nel team esecutivo, Robertson aggiungerà anche la responsabilità della strategia di influencer globale, in collaborazione con Rob Bernstein, MD delle strategie digitali, creative e commerciali globali.

Le operazioni di Ketchum in America Latina erano precedentemente guidate dal presidente internazionale partner Esty Pujadas, che ha anche supervisionato le attività dell’agenzia in Asia-Pacifico, Medio Oriente e Africa. Il COO internazionale Mark Hume ora supervisiona le attività in Cina, India, Corea ed Emirati Arabi Uniti. L’anno scorso, Neera Chaudhary è entrata a far parte dell’agenzia da Golin come CEO del Nord America.

Robertson rimarrà come CEO del Regno Unito fino alla fine di quest’anno, ma le sue responsabilità a Londra saranno divise per il resto del 2022 tra il team di leadership che ha costruito nell’ultimo anno: il vice CEO Sera Holland, che si è unito a The Fawnbrake Collective nell’ottobre dello scorso anno, Heather Blundell, che si è unita a Weber Shandwick a marzo come Chief Growth Officer per l’Europa , il Chief Client Officer del Regno Unito James Coyle e il direttore creativo esecutivo Indy Selvarajah, che si è unito a Edelman l’anno scorso. Il team di leadership del Regno Unito riferirà a Robertson, con l’obiettivo di nominare un nuovo CEO del Regno Unito all’inizio del 2023. 

“Mi sono ripromessa nella mia carriera che non avrei mai assunto un ruolo come questo, in diversi mercati e culture, ma il lavoro che ho fatto a livello globale negli ultimi 18 mesi per Mastercard, P & G e Samsung mi fa alzare la mattina, e so che posso farlo in un modo che mi avvicina ancora di più alle persone e al lavoro. Ci siamo evoluti negli ultimi anni in una vera potenza globale, con la nostra cultura e i nostri punti di forza nei mercati locali sovrapposti all’integrazione e alla collaborazione, e sono entusiasta di approfondire il lavoro in un mercato come il Brasile, ad esempio, dove [CEO] Caio Bamberg è una rock star e parte del lavoro che ne esce è il più creativo e innovativo dell’agenzia, più mercati come l’Austria, che è minuscola ma il lavoro che ne esce è strabiliante e voglio dare loro un palcoscenico globale per esportare un po ‘di quella magia. L’opportunità di liberare un potenziale non sfruttato per guidare ancora più lavoro creativo e crescita è davvero eccitante”, ha dichiarato Jo-Ann Robertson.

“Siamo stati molto intenzionali negli ultimi anni sulla crescita dei clienti per i quali il servizio multinazionale è importante, come P & G e Mastercard, e ci stiamo avvicinando alle relazioni in modo che siano meno punti su una mappa e più sulla strategia globale per quell’organizzazione, e Ketchum che ha bisogno di apparire in un modo che sia completamente connesso attraverso la rete – questo fa parte del mandato di Jo-Ann. Anche le nostre specialità di comunicazione che stanno crescendo al ritmo maggiore devono essere pensate con una lente globale. Stiamo scommettendo sull’influencer marketing, sul coinvolgimento dei dipendenti, sui dati e sull’analisi e ho bisogno di qualcuno seduto accanto a me con quella lente e sensibilità. Quando penso a un leader dell’azienda che incarna il nostro sistema di valori, che crede nel modo in cui ci presentiamo l’uno per l’altro e i nostri clienti ha una correlazione diretta con le nostre prestazioni aziendali e la reputazione nel settore, lei è il futuro di questa azienda. Credo che abbia ragione per questo ruolo in questo momento, perché è tempo di scatenare il marchio Jo-Ann su una scala più ampia”, ha affermato Mike Doyle.

Contemporaneamente alla promozione di Robertson, Kelly Sauter, con sede a Chicago, è stata promossa a EVP e amministratore delegato per la crescita globale.

“Gran parte del ruolo di Kelly riguarderà la crescita nel mercato del Nord America, ma ho anche chiesto a Kelly di esaminare come ci stiamo avvicinando al nuovo business attraverso la nostra impronta globale e le migliori pratiche e innovazioni che potrebbero applicarsi a livello globale. Kelly è l’architetto di ciò che un potenziale cliente sentirà e vedrà quando sarà lanciato da Ketchum. Guida un team coeso, brillante e frenetico e il nostro nuovo tasso di successo aziendale non è mai stato così forte”, ha dichiarato Mike Doyle.

Robertson ha aggiunto: “Kelly, Heather [Blundell] e io ci riuniremo come una squadra per perseguire i grandi marchi globali che hanno bisogno della nostra energia, raffinatezza e creatività – abbiamo cacciato in silos per un po ‘ma questo ci unirà”.

Un altro leader di lunga data di Ketchum, il presidente della customer experience Michael O’Brien, con sede a New York, sta assumendo il nuovo ruolo di Chief Strategy Officer per il business delle agenzie. O’Brien continuerà a guidare l’esperienza del cliente e le funzioni di crescita di Ketchum e svilupperà anche il nuovo piano aziendale triennale dell’agenzia.

“Michael continuerà a prendersi cura dell’esperienza globale dei clienti con un brillante banco di leader in tutta l’impronta globale. Raggiungeremo il nostro traguardo di 100 anni nel 2023 e non festeggeremo guardando indietro: Michael guiderà uno sforzo intenzionale per articolare la nostra strategia per i prossimi cinque anni. Queste mosse in questo momento segnalano la nostra intenzione di una più ampia connettività globale. Qualcosa di magico accade quando alla persona giusta viene chiesto di assumere il ruolo giusto al momento giusto, e questo non è mai stato più vero che con questi tre ruoli”, ha dichiarato Mike Doyle.