Phillips 66: Mark Lashier nominato CEO dell’azienda leader nella produzione energetica

Mark Lashier –  attuale Presidente e Direttore Operativo –  è stato nominato CEO in Phillips 66, multinazionale americana diversificata che opera nell’ambito della produzione energetica e della logistica. Con un portafoglio di attività Midstream, Chimica, Raffinazione e Marketing, l’azienda elabora, trasporta, immagazzina e commercializza carburanti e prodotti a livello globale.

Succederà a Greg Garland, da dieci anni al timone dell’azienda, che si dimette dalla carica di CEO il 1° luglio 2022, ma manterrà il ruolo di Presidente esecutivo fino al 2024.  

Garland “ha creato un’azienda leader nella produzione di energia diversificata e nella logistica, investendo per il futuro e offrendo forti ritorni finanziari”, afferma Glen Tilton, Lead Independent Director dell’azienda energetica, in quanto si è allontanato dalle attività di raffinazione, percepite ormai come un’attività satura, per concentrarsi sulla crescita della sua pipeline energetica, sui prodotti chimici e per ritagliarsi un ruolo nel mercato delle componenti delle batterie dei veicoli elettrici.

Gli investimenti non di raffinazione della società hanno prodotto notevoli entrate per gli azionisti, ma le azioni sono rimaste comunque indietro rispetto a competitor più grandi e posizionati meglio nel mercato di riferimento, dopo che hanno beneficiato dell’aumento dei margini di profitto del carburante in seguito ai blocchi pandemici. Quindi, il compito del nuovo CEO sarà quello di individuare una strategia – magari continuando il percorso già intrapreso da Garland – che permetta di eguagliare i rendimenti degli azionisti rispetto ai competitor Marathon Petroleum Corp e Valero Energy – che hanno alzato i rendimenti scorporando le armi al dettaglio e passando al diesel rinnovabile.
“La sfida di Lashier è migliorare la valutazione della società“, afferma Matthew Blair, analista della società di investimento. “Affronterà domande sulla valutazione e su cosa può fare per migliorare la performance del prezzo delle azioni e capitalizzare sulla potenziale valutazione” delle sue operazioni non di raffinazione.